Monthly Archives

May 2016

Uncategorized

ON LINE IL BANDO DI CONCORSO PREMIO SCENARIO 2017

EDIZIONE DEL TRENTENNALE

 ON LINE IL BANDO DI CONCORSO

www.associazionescenario.it

 L’Associazione Scenario ha pubblicato il bando del PREMIO SCENARIO 2017 – EDIZIONE DEL TRENTENNALE, che unisce i Premi Scenario, Scenario per Ustica e Scenario infanzia, dedicati ai nuovi linguaggi della ricerca, dell’impegno civile, dei nuovi spettatori.
Dopo la sospensione del 2016, in cui il Premio Scenario non è stato bandito a causa dell’esclusione dal contributo ministeriale, l’Associazione Scenario ha spostato la sua sede a Bologna e sta sempre più sviluppando il radicamento territoriale, a partire dalla sua identità collettiva, fatta di 29 soci distribuiti nella maggior parte delle regioni italiane. Continua intanto l’impegno dell’Associazione a cercare una soluzione perché il progetto di Scenario trovi adeguato sostegno sul piano nazionale.

Il bando del PREMIO SCENARIO 2017 – EDIZIONE DEL TRENTENNALE è consultabile e scaricabile on line sul sito www.associazionescenario.it, alla pagina http://www.associazionescenario.it/premio-scenario.html

Scadenza del bando: 31 ottobre 2016.

Il Premio Scenario, il Premio Scenario per Ustica e il Premio Scenario infanzia sono, in questa edizione, strettamente interconnessi, condividendo le medesime fasi di selezione e valutazione, per confluire nella Generazione Scenario 2017. Il Premio è riservato ad artisti al di sotto dei 35 anni, esordienti o impegnati in nuovi percorsi di ricerca.

Sostenuto dai 29 soci dell’Associazione Scenario, il Premio si realizza con la collaborazione della Regione Emilia Romagna. Il percorso del Premio Scenario per Ustica è promosso insieme all’Associazione Parenti delle Vittime della Strage di Ustica e della Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna.

Dalla sua fondazione, nel 1987, il Premio SCENARIO conserva la sua anomalia originaria: basandosi sul sostegno e sul lavoro attivo dei soci promotori (compagnie e teatri di innovazione) e continuando a dimostrare – pur tra mille difficoltà e dal 2015 anche senza il contributo Ministeriale – che è possibile progettare autonomamente, dal basso, efficaci strumenti di promozione del giovane teatro.

L’edizione del Trentennale impegnerà i giovani artisti in un confronto che si svilupperà attraverso una prima fase istruttoria, fra novembre e dicembre 2016 (che comprenderà tutti i progetti candidati), le tappe di selezione, realizzate fra marzo e aprile 2017 in diverse città italiane, e una finale, prevista fra giugno e luglio 2017 (alla quale saranno ammessi i lavori selezionati durante le tappe).

A partire da progetti in forma cartacea, per proseguire attraverso pochi minuti di elaborazione performativa, arrivando in seguito agli studi scenici di venti minuti presentati alle tappe di selezione e alla finale, i giovani artisti saranno coinvolti in un percorso finalizzato alla valutazione e alla selezione dei lavori in concorso, ma aperto al confronto e allo scambio, alla valorizzazione e al monitoraggio del nuovo.
Per il pubblico e per gli osservatori, il premio Scenario rappresenterà ancora una volta un’occasione immancabile per esplorare le molte realtà, forme e attitudini che costituiscono il diversificato panorama dei linguaggi e delle vocazioni emergenti.

La Giuria assegnerà tre premi:
Premio Scenario al miglior progetto destinato alla scena della ricerca.
Premio Scenario per Ustica al miglior progetto destinato alla scena dell’impegno civile.
Premio Scenario infanzia al miglior progetto destinato ai nuovi spettatori.
L’entità dei premi sarà stabilita e comunicata successivamente, in relazione alle risorse che si riveleranno disponibili.

I progetti premiati costituiranno la Generazione Scenario 2017.
Gli spettacoli della Generazione Scenario 2017, giunti a forma compiuta, debutteranno in data da stabilirsi (tra dicembre 2017 e gennaio 2018), nell’ambito di una manifestazione nazionale organizzata e promossa dall’Associazione Scenario.

Molti gli artisti e le compagnie che, nelle sue quindici edizioni passate, il Premio Scenario ha individuato e contribuito a imporre all’attenzione del panorama nazionale della ricerca. Per citare alcuni nomi (in ordine cronologico): Paolo Migone, Gigi Gherzi, Carlo Bruni, Mariano Dammacco, Scena VerticaleTeatro dei Sassi, Davide Iodice, Anna Redi, Alma Rosè, Erbamil, Teatro delle Ariette, Domenico Castaldo, Patrizio Dall’Argine, Sergio Longobardi, Paolo Mazzarelli, Davide Enia, Emma Dante (vincitrice con la Compagnia Sud Costa Occidentale di Palermo, dell’ottava edizione del Premio, che l’ha rivelata con lo spettacolo mPalermu) e, più recentemente: M’Arte, Habillé d’Eau, Teatro Minimo, Nanou Teatro, Berardi e Colella, Teatro Sotterraneo, Taverna Est, Francesca Proia, Decimopianeta, Babilonia Teatri (vincitori nel 2007 con lo spettacolo made in italy che li ha rivelati), Pathosformel, Teatrialchemici, Codice Ivan, Marta Cuscunà (affermatasi con È bello vivere liberi!, Premio Scenario per Ustica 2009), Anagoor (segnalati nello stesso anno con Tempesta), Odemà, Matteo Latino, Carullo-Minasi (vincitori del Premio Scenario per Ustica nel 2011 con l’indimenticabile Due passi sono), foscarini:nardin:dagostin (ora compagnia di danza VAN, in seguito alla segnalazione del Premio Scenario), ReSpirale Teatro, Fratelli Dalla Via, Collettivo InternoEnki, nO (Dance first. Think later), Beatrice Baruffini…  Infine, l’ultima edizione del Premio ha rivelato altre nuove realtà di straordinario talento: Mad in Europe con Mad in Europe, Premio Scenario, Caroline Baglioni con Gianni, Premio Scenario per Ustica, e le segnalazioni speciali DispensaBarzotti con Homologia e Mario De Masi con Pisci ‘e paranza.

Per quello che riguarda il Premio SCENARIO infanzia i vincitori delle passate edizioni hanno contribuito a dare visibilità a un settore ingiustamente trascurato dal mondo del teatro cosiddetto per adulti. I progetti vincitori e segnalati sono testimonianza invece della ricchezza di proposte e visioni presenti fra i giovani artisti, in grado di interpretare un immaginario giovanile in continua e rapida evoluzione. Si ricordano, per tutti, Taniko di Antonio Calone, vincitore nel 2006, Un paese di stelle e sorrisi di Mosika, vincitore nel 2008, Hänsel e Gretel di Cassepipe/Eventeatro, vincitore nel 2010, John Tammet di Davide Giordano vincitore nel 2012, Fa’afafine – Mi chiamo Alex e sono un dinosauro di Giuliano Scarpinato e La stanza dei giochi di ScenaMadre vincitori ex aequo dell’edizione 2014.

L’Associazione Scenario è formata dai soci:
Ancona AMAT Associazione Marchigiana Attività Teatrali; Bari Teatri di Bari – Consorzio Società Cooperativa Teatro di Rilevante Interesse Culturale; Bassano del Grappa Operaestate Festival Veneto; Bergamo Il Teatro Prova; Bologna Centro di promozione teatrale La Soffitta, Teatri di Vita; Cagliari Cada Die Teatro; Cascina Fondazione Sipario Toscana La Città del Teatro Onlus Centro di Produzione Teatrale; Empoli Giallo Mare Minimal Teatro; Faenza Teatro Due Mondi; Forlì Accademia Perduta/Romagna Teatri Centro di Produzione Teatrale; Genova Fondazione Luzzati Teatro della Tosse Onlus Teatro di Rilevante Interesse Culturale; Milano ATIR Teatro Ringhiera, Teatro del Buratto Centro di Produzione Teatrale, Campo Teatrale, CRT Milano Centro di Produzione Teatrale; Napoli Teatro Bellini Centro di Produzione Teatrale; Oppeano Babilonia Teatri; Parma Teatro Delle Briciole Solares Fondazione delle Arti Centro di Produzione Teatrale; Perugia Fontemaggiore Soc. Coop. Centro di Produzione Teatrale; Pescara Florian Metateatro Centro di Produzione Teatrale; Piacenza Teatro Gioco Vita Centro di Produzione Teatrale; Ravenna Ravenna Teatro Centro di Produzione Teatrale; Roma Area 06, Sala Umberto; San Lazzaro di Savena Compagnia Teatro dell’Argine; Teramo ACS Abruzzo Circuito Spettacolo; Udine CSS Teatro Stabile d’Innovazione del FVG Centro di Produzione Teatrale; Vicenza La Piccionaia Centro di Produzione Teatrale.
———————————————–

Associazione Scenario
organizzazione
anna fantinel
portatile 392 9433363
organizzazione@associazionescenario.it

Uncategorized

SAGGI… MA NON TROPPO! maggio-giugno, esiti percorsi formativi 2015-2016

 

Il teatro è un atto culturale, artistico e creativo, ma anche luogo di incontro con se stessi e con le diversità, spazio dell’immaginazione, dove si pratica l’accoglienza e si sviluppa la cittadinanza attiva. Fondazione Sipario Toscana, Centro di Produzione Teatrale e Agenzia Formativa da oltre 20 anni, investe molto sulla qualità del settore FORMAZIONE e, consapevole del valore educativo del teatro e delle arti in genere, propone periodicamente percorsi di avvicinamento ai linguaggi della scena destinati a un pubblico di tutte le età. Per la Stagione 2015-2016 oltre 1000 persone hanno frequentato i laboratori de La Città del Teatro e, tra maggio e giugno, le sale spettacolo si apriranno per presentare gli esiti dei vari percorsi formativi dando vita a una vera propria rassegna che abbiamo voluto intitolare Saggi …ma non troppo, perché ciò che i corsisti offriranno agli spettatori, oltre a essere una “dimostrazione di lavoro”, è soprattutto un invito all’osservazione e all’ascolto dei processi creativi che ognuno di noi può mettere in campo.

27 MAG ore 18.00 Get into your pyjamas, it’s story time – Da un percorso di teatro per bambini in lingua inglese per liberare l’energia creativa, potenziare la propria espressività ed arrivare all’apprendimento linguistico vero e proprio.

28 MAG ore 17.30 Un viaggio chiamato teatro – Un gruppo di amici attraversa i possibili mondi evocati dal teatro e le possibilità di interpretazione attraverso l’uso del corpo e della voce.

5 GIU ore 18.30 Muricciòli – Sperimentare le proprie capacità creative, esprimere senza timore idee ed emozioni, elementi essenziali dell’apprendere e del crescere insieme.

5 GIU ore 21.00 Di fiumi, angeli, tori e altre storie. Voci e memorie dall’alluvione del 4 Novembre 1966 – Un’esperienza di crescita culturale collettiva che ha come sfondo metaforico il Fiume Arno, che nel corso dei secoli ha caratterizzato il rapporto tra il fiume, gli abitanti e il territorio.

10 GIU ore 18.30 Pensare in Grande – Come guardano gli adolescenti il mondo degli adulti? Cosa pensano dei loro modi di fare? Gli adulti hanno grandi responsabilità poichè sono i modelli per i giovani.

10 GIU ore 21.00 E la borsa…e la vita – Un gruppo di insegnanti, con grande entusiasmo, curiosità e una buona dose di coraggio, ha deciso di mettersi in gioco, scoprendo così attitudini e potenzialità espressive inaspettate.

11 GIU ore 16.00 Tutto dipende – Riflessione in forma teatrale e a voce alta dei ragazzi e degli operatori del Centro Passo di Barca di Cascina. La globalità linguistica del teatro come strumento per ricostruire una qualità della relazione interpersonale, veicolo fondamentale di comunicazione e narrazione del mondo circostante. (ingresso libero)

11 GIU ore 19.00 Volevo essere un tostapane. Botteghe di drammaturgia – gli attori de La Città del Teatro danno voce ai testi originali, frutto di esercizi di scrittura, degli allievi del corso avanzato di drammaturgia.

19 GIU ore 18.00 e 21.00 Stazione dei primi amori – Il primo amore non si scorda mai: nella vita e in teatro.  Tutto questo raccontato attraverso il linguaggio della scena.

23 GIU ore 15.00 C’è un sasso sul sentiero – Esito di un percorso teatrale rivolto a utenti con difficoltà che coinvolge la componente degli affetti e delle emozioni. Attraverso la propria energia i partecipanti raccontano ed esprimono emozioni che restituiscono le intenzioni profonde che stanno dietro alle parole. (ingresso libero)

27, 28, 29 GIU ore 20.00 Full saturation – Uno studio su corpi e voci che, pur attingendo al registro ironico e grottesco, va a mettere in luce distorsiva ossessioni e compulsioni che riguardano il nostro quotidiano individuale e collettivo.

Biglietti da 3 a 5 euro

Gli eventi, progettati da Fondazione Sipario, rientrano nel cartellone di iniziative promosse dalla Rete Toscana di Teatro Educazione.

 

 

Uncategorized

RTE Rete Toscana di Teatro Educazione

RTE Rete Toscana Teatro Educazione è un organismo aperto alla collaborazione con soggetti, istituzioni, enti locali, compagnie, scuole, artisti, operatori e docenti che operano a diverso titolo, con competenza e continuità, per sostenere e rafforzare produzione, promozione, formazione e diffusione del rapporto fra teatro e nuove generazioni, mondo della scuola e famiglie, per incrementare il teatro come pratica educativa significativa nella formazione dei pubblici e degli individui di ogni età.

Ne fanno parte Fondazione Sipario Toscana onlus – Giallo Mare Minimal Teatro – Agita/Casa dello Spettatore – Residenza Lastra a Signa Teatro delle Arti – Rete Teatrale Aretina.

Per maggiori informazioni vai alla pagina RTE

 

Close