Monthly Archives

maggio 2016

Uncategorized

Just a simple Quote Post

Dispatched entreaties boisterous say why stimulated. Certain forbade picture now prevent carried she get see sitting. Up twenty limits as months. Inhabit so perhaps of in to certain. Sex excuse chatty was seemed warmth. Nay add far few immediate sweetness earnestly dejection.

Uncategorized

ECCO IL NOSTRO CALENDARIO OFF!!!

IL TEATRO, oggi più che mai, è luce. Non è un caso che, in genere, uno spettacolo cominci dal buio, dal buio in sala, che non solo è la condizione necessaria per comunicare a chi guarda che in quel preciso attimo finisce la vita vera e comincia quella della scena, ma è anche la perpetua metafora (in genere il fenomeno si compie nel giro di una manciata di secondi, ma basta) che, dall’oscurità, la Scena illuminandosi ogni volta ci indica un’ipotesi di soluzione al grande rebus della Vita.

Poi, traghettati nella finzione scenica (che ogni volta è una nuova Verità e insieme menzogna), se lo spettacolo è “ben fatto” (una condizione necessaria, perché per pienamente compiersi l’atto teatrale occorrono sentimento e tecnica), può cominciare il confronto serrato fra noi e quello che avviene in scena, ogni volta l’occasione di un corpo a corpo che può svelarci ogni tipo di mistero. Chi frequenta il Teatro (i teatranti e gli spettatori, binomio inscindibile e quanto mai paritetico, carne ragionante che si incontra con altra carne ragionante) sa bene quanto lo scegliere di essere lì in quel momento sia sempre una scommessa pericolosa, che ti costringe ogni volta al confronto con te stesso. A volte con sforzo (perché l’esecuzione è disciplina, sia che siamo attori ma anche spettatori: e Molière diceva che in teatro “quel che avviene senza sforzo non compie nulla”), chi sceglie il Teatro in questi nostri tempi confusi, compie un piccolo grande atto di resistenza umana, contro il cinismo, l’ovvietà, le facili scorciatoie dell’abnorme società tecnologica e consumistica.

Come forse nessun altro luogo laico, tanto più che la società diviene dimèntica dell’intima essenza umana, il Teatro si appropria dell’antico/nuovo mandato di essere resistenza e antidoto alla volgarità, all’orrore, all’insensatezza della storia. Nel suo spazio oscuro continuano ad esistere e a insistere valori fondamentali, tanto più necessari quanto la barbarie incalza. Vivere il Teatro può essere l’arte di stare al mondo.

Così, alla Città del Teatro tentiamo di alzare le barriere alla brutalità e alla mediocrità del tempo che ci è toccato vivere. Con orgoglio – e umiltà – prendiamo atto che dunque il Teatro è luce, e che importantissimo è il compito affidatoci, di provare ad essere come un piccolo faro in questa notte “buia e tempestosa” (con, in più, l’onere e l’onore di avvicinare le nuove generazioni, preparandole a diventare anche bravi spettatori).

Questa prima stagione teatrale (figlia di nuove circostanze storiche, inutile negarlo) vuole rispettare appieno la vocazione di un luogo divenuto celebre in Italia per precise tendenze e caratteristiche. Ma anche aprirsi a qualche piccola scommessa in più, come quella di tornare al testo ( frettolosamente e superficialmente si è parlato di teatro “classico”, ma la denominazione denota ahimè scarsa conoscenza dello sconfinato repertorio a disposizione ), perché per noi ( teatranti e spettatori )  il testo (che è una dimensione  di cui qualche improvvisato solòne ci ha via via defraudato) dovrebbe perfino essere sacro, giacché per esso si sono spesi e impegnati alcuni dei più grandi gèni dell’umanità (da qui la mia piccola, umile proposta di un Progetto Molière; ma anche di un po’ di drammaturgia contemporanea).

Quale che sia comunque lo spettacolo o gli spettacoli che avrete l’amabilità di vivere con noi, vi prego di rammentare che, in ogni caso, il Teatro è luce.

 

  ANDREA BUSCEMI

                                                                                          Presidente Fondazione Sipario Toscana onlus

ECCO IN ANTEPRIMA LA NOSTRA STAGIONE TEATRALE OFF!!!

29 Ottobre
IL MINOTAURO – VIAGGIO DI UN EROE h. 19.00 (Ridotto)
Regia di Luana Gramegna
Produzione Zaches Teatro
NUOVA CREAZIONE – PRIMO STUDIO – CLAUDIA CATARZI h. 21 (sala Grande/Palco)
coreografia Claudia Catarzi in collaborazione con Michal Mualem
realizzato con il sostegno produttivo di Company Blu, Armunia/ Festival Inequilibrio/
Centro di residenze artistiche Castiglioncello, CCNN | Centre Chorégraphique

5 Novembre
INTERRAIL- CONCERTO TEATRALE ATTRAVERSO L’EUROPA h. 21 (Sala Piccola)
di Frequenze Alfa Teatro
scritto e diretto da Stefano Filippi -Progetto vincitore del bando CANTIERE
FUTURO 2015 Fondazione Toscana Spettacolo Onlus e Teatro Metastasio di Prato

6 Novembre
ALESSANDRO BENVENUTI- CHI E’ DI SCENA h. 21 (Sala Grande)
Regia di Alessandro Benvenuti – Produzione Arca Azzurra Teatro

13 Novembre
KANSAS CITY – Vita immaginaria di Luciano Bianciardi h. 21 (Ridotto)
di Claudio Riggio
Produzione Teatro Colombo e Spazio Leopoldo

19 Novembre
LUCIFERO di Industria Indipendente h. 19 (Ridotto)
Regia Erika Z. Galli e Martina Ruggeri
Produzione Fondazione Sipario Toscana
ICARO di AZUL TEATRO h. 21 (Sala Grande/Palco)
Company Blu – Azul Teatro
Produzione Fondazione Sipario Toscana

21 Novembre
Progetto Moliére
ANDREA BUSCEMI / NATHALIE CALDONAZZO h. 21 (Sala Grande)
LE MALADE IMAGINAIRE da Moliére

24-25 Novembre
MADE IN CHINA – Postcards from Van Gogh di Leviedelfool h. 21 (Sala Grande/Palco)
Regia Simone Perinelli
Produzione Fondazione Teatro della Toscana

26 Novembre
SPICCHIO D’AGLIO / primo studio h. 21 (Sala Piccola)
un progetto di Laura Forti
Regia di Teo Paoli – Produzione Centrale dell’Arte

3 Dicembre
TU ME FAIS TOURNER LA TÈTE h. 19 (Sala Grande)
Regia di Marco Mannucci
Produzione Mattatoio Sospeso
PORCO MONDO h. 21 (sala Piccola)
Regia di Francesca Macrì
Produzione Biancofango

15 Dicembre
QUI GELA ANDATA E RITORNO con William Catania h. 19 (Ridotto)
Regia di Samuele Boncompagni
Produzione Noidallescarpediverse
UNA STORIA DISEGNATA NELL’ ARIA h. 21 (Sala Piccola)
per raccontare Rita, che sfidò la mafia con Paolo Borsellino
Produzione Nonsoloteatro

 

Biglietti:
Biglietto unico € 10 su tutti gli spettacoli tranne Alessandro Benvenuti “Chi è di scena” (Sala Grande completa),
20 € platea, 15 € tribuna, 10 € gradinata

Close