Venerdì 23 novembre 2018 – ore 21

Straligut

Gli onesti

da Aristofane

drammaturgia e regia Francesco Pennacchia
con Anna Amato, Maurizio Patella, Francesco Pennacchia
partitura musicale-rumoristica eseguita dal vivo
realizzazione maschere Claudia Chianucci
luci Massimiliano Ferrari

Oggi, nell’anno 399 a.C., parleremo di una faccenda che sta a cuore a moltissime persone.

Tiche, la dea della fortuna, è stata accecata da Zeus. Stessa sorte è toccata a suo figlio, il dio della ricchezza Pluto. Che per giunta è scomparso. Tiche accecata finisce nelle mani di un povero contadino e il suo schiavo. I due le propongono di aiutarla a riacquistare la vista e a cercare suo figlio, ma in cambio le chiedono di favorire le sorti degli onesti. Essi si ritengono tali. E lo sono davvero. Si, ma fino a un certo punto. Vogliono che solo gli onesti siano fortunati. Ma chi distingue gli onesti dai disonesti? Chi decide?

La dea da cieca cammina sola, da vedente cammina solo se scortata.
E il fulmine governa ogni cosa.

Lo spettacolo trae ispirazione da diverse commedie di Aristofane, principalmente il Pluto, di cui conserva l’impianto tematico: la distribuzione delle ricchezze nelle vite dei mortali.

Acquista biglietti online