Category

Notizie

Notizie

LA STORIA DI SCHIACCIANOCI

venerdì 12 aprile 2019 – ore 10

teatro danza • dai 3 anni

Cie Twain Physical Dance Theatre/ Associazione Settimo Cielo/ Teatro di Arsoli

LA STORIA DI SCHIACCIANOCI

Coreografia Loredana Parrella
Testi Gloria Sapio
Regia Loredana Parrella e Maurizio Repetto
Musica Pëtr Il’ič Čajkovskij
Sonorizzazioni Andrea Cauduro
Interpreti Gloria Sapio, Gianluca Formica, Maeva Curco Llovera, Caroline Loiseau
Assistente alla Produzione Enrica Pagliero

Coproduzione Twain/Settimo Cielo/Teatro di Arsoli
in Collaborazione con ATCL Lazio e Fondazione Sipario Toscana
Con il sostegno di MiBACT – Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo, Regione Lazio – Ass.to alla Cultura
In Residenza Supercinema_Tuscania, Teatro La Fenice_Arsoli, La Città del Teatro_Cascina.

Progetto Vincitore del Bando #Crea 2018/2019 Fondazione Sipario Toscana

Schiaccianoci è una fiaba di nobili origini. Il suo percorso di opera letteraria trasposta in opera dan-zata, la rende particolarmente adatta a una rivisitazione contemporanea che attraverso l’unione dei differenti linguaggi crea una narrazione ricca di suggestioni e capace di parlare all’infanzia di alcuni temi complessi come i passaggi della crescita, la diversità, la scoperta dell’altro.

In tedesco, “schiacciare una noce dura” ha una valenza traslata e significa risolvere un problema impor-tante, affrontare con coraggio le difficoltà che la vita propone.
Il principe Schiaccianoci è dunque un antieroe che vince proprio grazie alla sua incompiutezza e Clara/Marie riconoscendone il valore nonostante la fragilità che lo rende diverso e meno scintillante degli altri giocattoli, inizierà un viaggio di crescita e di conoscenza.

La nostra storia inizia a ritroso: Clara ha ormai vissuto la sua vita ed è molto lontana dalla bambina che era. Circondata da un mondo sensibile solo al consumo, è sola alla vigilia di Natale. Il ricordo però è un antidoto potente e il mondo di Clara ricomincia a luccicare come le candeline sull’albero.

Un viaggio attraverso il ricordo di quella notte magica popolata da personaggi tanto allegorici quanto vividi: il padrino Drosselmeyer, l’Albero che cresce, le bambole, i soldatini, lo schiaccianoci, il Re dei Topi, la Fata Confetto e il Principe che restituiscono un sottotesto più profondo.

Plauto
Notizie

PLAUTO

mercoledì 17 aprile 2019 – ore 10

teatro d’attore • dai 12 anni

Ass.ne Pesopiuma

PLAUTO

ALLE RADICI DEL COMICO

drammaturgia Franco Farina
Regia Collettiva
in scena Paolo Cioni, Paolo Giommarelli, Luca Orsini

Progetto di residenza artistica sviluppato nell’ambito del bando # CREA

State zitti ed in perfetto silenzio e fate attenzione:
chi vi dà l’ordine di ascoltare è il comandante degli istrioni,
che vi invita a deporre le vostre chiappe in ordine sui sedili
sia che siate venuti affamati oppure pieni fino agli occhi. (Poenulus, 3-6)

Un capocomico fanfarone e due attori più giovani si contenderanno la scena, architettando stratagemmi e stringendo fra loro mutevoli alleanze, che permetteranno al pubblico di veder scorrere, di fronte ai loro occhi, le più emblematiche scene del teatro di Plauto, seme e origine di tutta la commedia moderna.

Gli spettatori rideranno e parteciperanno attivamente alla beffa giocata al soldato fanfarone Pirgopolinice del Miles Gloriosus, ai comici equivoci fra Sosia e Mercurio che ha preso le sembianze del servo di Anfitrione nell’Amphitruo, all’amore senile di Lisidamo per Casina fino ai tormenti dell’avaro Euclione per il tesoro nella pentola dell’Aulularia e così via attraverso personaggi e situazioni delle ventuno commedie del poeta di Sarsina giunte fino a noi.

Plauto. Alle radici del comico è un progetto che cerca di condensare in uno unico spettacolo l’essenza delle commedie di Plauto alla ricerca dei meccanismi base della commedia, che tanta fortuna hanno avuto poi in autori successivi fino ad arrivare al cinema contemporaneo.

Il filo conduttore che legherà insieme scene provenienti da tante opere diverse sarà dato dai rapporti e le relazioni dei tre attori, che si contenderanno le simpatie del pubblico e faranno da specchio e da amplificatore al campionario di umane debolezze che Plauto rappresenta nelle sue opere e che lo rende ancora oggi attuale. Gli attori sveleranno gli strumenti della loro arte e chiameranno il pubblico a partecipare direttamente al gioco scenico in una ricerca di varie modalità di rottura della quarta parete.

Glimpses of cities
Notizie, Spettacoli

GLIMPSES OF CITIES

Sabato 30 marzo 2019 ore 21

Instabili Vaganti
In co-produzione con
Teatro Nazionale di Genova
Instituto Nacional Artes Escenicas/Festival FIDAE 2019

GLIMPSES OF CITIES
Primo studio del progetto di produzione “The Global City”
regia Anna Dora Dorno
con Nicola Pianzola
elementi scenografici e illuminotecnici Nicolò Brunetto

progetto di residenza artistica  nell’ambito del bando #CREA della Fondazione Sipario Toscana Onlus

Continue reading

Close