Città del Teatro
seguici su:
HomeNewsDettaglio Notizia

Dettaglio Notizia

I prossimi appuntamenti

Il 23 novembre andrà in scena E pensare che c'era Giorgio Gaber, di e con Andrea Scanzi, spettacolo incentrato sul Giorgio Gaber teatrale, quello che ha il coraggio di uscire dalla tv e che entra con Sandro Luporini nella storia e come dice lo stesso autore:"Il nome Gaber lo conoscono tutti, ma se vai a scavare ti accorgi che Giorgio Gaber è conosciuto solo in modo superficiale. Il Gaber più forte, quello più geniale, è spesso quello che meno si conosce.Sono convinto che Gaber e Luporini siano stati profetici almeno quanto Pasolini. In ogni loro canzone e monologo ci sono degli elementi di lucidità, profezia e forza che sono qualcosa d’incredibile."

Venerdì 13 dicembre Renzo Arbore e l'Orchestra Italianaun evento speciale celebra i 50 anni dell’Orchestra Italiana, che accompagnerà lo showman più importante d’Italia sul palcoscenico della Città del Teatro di Cascina, in uno speciale concerto-spettacolo in teatro, ripercorrendo l’antico e il nuovo suono di Napoli.

La Stagione 2019/2020 è anche ricerca e innovazione con le nuove produzioni della Fondazione Sipario Toscana: il 14 dicembre debutta  Brina, in collaborazione con Teatrodilina. L'autore Francesco Lagi da un frigorifero difettoso e una richiesta di rimborso a un’azienda misteriosa, ci porta in un mondo dove il complotto e la paranoia si impossessano delle nostre vite e del nostro modo di vedere le cose. 

Perfettain scenail 17 gennaio, è l’ultimo monologo teatrale scritto da Mattia Torre, autore di Boris e La linea verticale, uno dei drammaturghi più influenti e attivi nella scena televisiva e teatrale italiana recentemente scomparso, nel quale si racconta un mese della vita di una donna, scandito dalle quattro fasi del ciclo femminile.
La protagonista assoluta è Geppi Cucciari, per la prima volta alle prese con toni che non prediligono unicamente la comicità, ma si avventurano con profondità in sfumature anche più malinconiche e drammatiche.